• VAL DI SOLE le tue vacanze in Estate e Inverno
  • VAL DI SOLE le tue vacanze in Estate e Inverno

Caldes

Caldes è ad un’altitudine m. 682 nella prima parte della Val di Sole.
Comprende le frazioni Samoclevo, S. Giacomo, Cassana, Tozzaga, Bordiana e Bozzana.
Qui si trovano estese coltivazioni di alberi da frutto, in particolare meli, è infatti questa la zona di produzione Melinda.

Due sono i segni peculiari di Caldes: il campanile romanico di un’antica chiesa, da tempo distrutta, e l’imponente castello.
I due monumenti si staccano nel verde di un terrazzo naturale sulla sponda destra del Noce in val di Sole.

Subito fuori dal paese, si distingue un antico campanile romanico, un tempo parte della gotica chiesa di San Rocco.
La struttura si presenta con un portale rinascimentale e custodisce aell’interno un altare seicentesco in legno.

Castel Caldes è uno dei più belli del Trentino: di recente restaurato dalla Provincia Autonoma di Trento, è oggi luogo di mostre e rassegne culturali.
La parte più antica è la grande casa-torre risalente al 1230, composta da cinque piani ed edificata dalla famiglia Cagnò.
A essa i Thun, dalla metà del XV secolo, hanno poi affiancato altri edifici. Particolari sono le rampe carrabili interne che ne provano la funzione rurale.
Una seicentesca piccola torre ha in sé una scala a chiocciola con bassi gradini. Al’interno, sale affrescate, soffitti e rivestimenti lignei ed antichi graffiti.

Guarda il video di Castel Caldes

Castel Caldes

Castel Caldes

La rocca di Samoclevo
Sopra la frazione di Samoclevo, 500 metri più a nord di Caldes, a 1.000 metri di quota, sulle pendici del monte Vesa, si trovano i resti di una rocca risalente al periodo alto-medioevale, abbandonata nel XVII secolo dalla famiglia Thun a favore del sottostante castel Caldes. Attraente è la torre quadrata circondata dal verde dei boschi.

Ponte di Mostizzolo
A 6 km da Caldes, in direzione del lago di Santa Giustina, ci si imbatte nel ponte di Mostizzolo, alto ben 85 metri, che scavalca il Noce in un punto particolarmente scenografico del suo corso. L’arcata del passaggio unisce infatti le due estremità di una penetrante gola tra i larici.

Guarda il video del ponte di Mostizzolo

Il ponte di Mostizzolo

Il ponte di Mostizzolo